Archivio mensile:agosto 2013

KENETA, TRASFORMAZIONE IN UN QUARTIERE INFORMALE

TAV_14I contenuti progettuali possono essere riassunti in interventi puntuali a scala urbana, progetto lineare con si recupera il canale principale, interventi di completamento del tessuto urbano attraverso il riuso delle strutture incomplete ed infine una serie di azioni informali in grado di operare una trasformazione urbana

Il programma urbano è pensato in modo che la sequenza temporale non sia essenziale e ne prerogativa fondamentale per la riuscita o meno dello stesso. Quello che si vuole mettere in luce è la possibilità di immaginare una trasformazione progressiva di un tessuto informale tenendo presente le condizioni di partenza. Risulta perciò che l’accezione di informalità non è una questione a cui porre rimedio attraverso sole politiche di riconoscimento oppure attraverso macro interventi di carattere invasivo, ma piuttosto deve essere considerata in quanto luogo di valutazione e sperimentazione di un approccio entro cui assume un ruolo attivo. Sin dal principio sono state indagate le regole urbane e sociali sulle quali il quartiere si è costituito fin dai primi insediamenti. Queste regole affiancate da progetti di scala urbana permetteranno la trasformazione di Keneta.

 

 

 

 

Contrassegnato da tag ,

EDIFICIO PROGESSIVO

EDIFICIO PROGRESSIVO

Il progetto di maggior impatto è rappresentato da un intervento pubblico che riunisce attorno ad uno spazio centrale funzioni che si sviluppano in varie fasi e che hanno anche il ruolo di aumentare l’importanza del quartiere rispetto al resto della città.

CRONOPROGRAMMA 

Le varie parti si sviluppano in un arco temporale definito dal programma urbano tenendo conto del grado di priorità a cui ogni parte corrisponde in base alle necessità urbane. Risulta importante descrivere come possa avvenire, in un processo progressivo, la realizzazione di uno spazio pubblico in continua evoluzione.

1 Inizialmente lo spazio centrale non è strutturato, ma una area adibita a campo di gioco per attività informali. Questo passaggio individua un’area all’interno del quartiere, che con il tempo diventerà una centralità urbana. In questa fase si realizzeranno le prime strutture di servizio al campo, panchine e magazzino.

2 Con le prime attrezzature,  lo spazio viene articolato e utilizzato maggiormente diventando un punto di riferimento per il quartiere. In questo momento si darà avvio alla realizzazione di un centro sanitario nelle immediate vicinanze del campetto.

3 Le realizzazioni delle costruzioni circostanti porta lo spazio centrale ad assumere sempre maggior rilevanza all’interno di Keneta. In questo fase si daranno avvio alla realizzazione dell’asilo e della biblioteca con cui si avrà una iniziale immagine di quello che l’intervento vorrà essere per il quartiere.

4 La realizzazione degli edifici circostanti porta lo spazio centrale ad assolvere funzioni attinenti agli edifici che lo delimitano. La conclusione della struttura sarà definita dalla realizzazione della copertura dello spazio centrale. Questo centralità non sarà più solo un campo da gioco, ma si trasformerà in una piazza coperta adatta ad ospitare molti eventi con cui si caratterizzerà l’intera trasformazione di Keneta.

La lenta trasformazione di questo spazio pubblico segue attentamente i cambiamenti a cui l’intero quartiere è sottoposto sia a livello urbanistico sia sociale. L’attenzione a questi due elementi costitutivi rende l’operazione flessibile, in grado di modificarsi a seconda delle esigenze che, di volta in volta, si avrà.

Accanto a queste logiche, si pone l’attenzione sull’importanza che questo elemento assume a livello di quartiere, a livello urbano e regionale. A seconda delle fasi, infatti, possiamo notare come durate il processo l’area si trasforma da un “luogo locale” a un punto di riferimento non solo per il quartiere ma per l’intera città. Questa valutazione viene presa in considerazione perché rappresenta l’interesse, che il quartiere di Keneta, assume nelle politiche della città.

 

Contrassegnato da tag ,

MASTERPLAN

 

Masterplan

Masterplan

Il Masterplan concretizza il programma urbano integralmente nelle tre fasi concepite. Il disegno unico permettere di immaginare una trasformazione completa del quartiere ed evidenzia la diversità degli interventi sia nella dimensione che nella forma.