Archivi tag: azioni

PROGRAMMA URBANO

TAV_11

Il programma prevede una politica di trasformazione che si basa su 3 fasi. In primis si ha la fase della gestione dell’emergenza dopo di ché segue la fase dell’adeguamento dei servizi per concludersi con la governance della città post-informale.

Questo processo avviene attraverso un sintesi di politiche e progetti specifici.I progetti possono essere sintetizzati attraverso 4 sistemi di intervento definirli a seconda della natura degli stessi:

AZIONI INFORMALI

Alcuni progetti possono essere inquadrati nel sistema delle azioni informali grazie alle quali si operano trasformazioni sensibili ma di grande impatto sociale. Fanno parte di queste azioni la raccolta dei rifiuti attraverso un sistema partecipativo, la promozione di campi sportivi informali a basso costo, la nascita di una biblioteca itinerante non ché l’utilizzo di campagne per dipingere parti grige del quartiere e cosi via.

PROGETTO LINEARE

Il recupero del sistema dei canali della bonifica è una prerogativa indispensabile per la trasformazione coerente dell’intero quartiere. Infatti, la nostra attenzione si focalizza proprio nell’individuare un insieme di progetti che possano ridare qualità urbana al canale nonché recuperare un rapporto con l’elemento acqua. Attraverso questo progetto poi verranno sperimentante un insieme di piccole iniziative pubbliche nella promozione di spazi/piazze ad esso annesso.

PROGETTI URBANI

Tenendo presente il grande impatto sulle politiche che il quartiere deve avere nel rapportarsi con la città è inevitabile pensare anche alla possibilità di trasformazioni a scala urbana territoriale che possano dimostrare una volontà di cambiamento del quartiere in un ottica di coinvolgimento di attorni esterni. Questo ruolo viene riservato alle due testate del progetto, quella che si deve relazionare con il tessuto storico e quella che invece deve garantire una presenza delle attività pubbliche da sempre assenti nel quartiere.

PROGETTI PUNTUALI

In questa categoria sono stati inglobati tutti quei micro interventi che, attraverso il recupero di spazi, edifici incompleti e utilizzando il principio dell’autocostruzione, sono in grado di inserirsi nel contesto informale dialogandone con esso le regole di trasformazione.

Tutti questi interventi dovranno essere considerati in termini di fattibilità e priorità nonché essere valutati nelle varie fasi. Questo obiettivo ci permette di individuare quei interventi, che in situazioni contingenti, possono essere realizzati oppure modificati per rendere il processo assolutamente flessibile al variare delle condizioni economiche e sociali. Inoltre ogni progetto/politica/azione è stato analizzato secondo gli aspetti prettamente tecnici in merito:

– raggio d’influenza (urbana-locale)

– iniziativa (pubblica-privata-ppp)

– proprietà (pubblica-privata)

– gestione (pubblica-privata-ppp)

Questa operazione ha come scopo l’individuazione delle responsabilità in tutte le diverse fasi per un ottimizzazione delle risorse economiche, gestionali ed umane messe in campo.

Contrassegnato da tag , , , ,