Archivi tag: tessuto urbano

KENETA, TRASFORMAZIONE IN UN QUARTIERE INFORMALE

TAV_14I contenuti progettuali possono essere riassunti in interventi puntuali a scala urbana, progetto lineare con si recupera il canale principale, interventi di completamento del tessuto urbano attraverso il riuso delle strutture incomplete ed infine una serie di azioni informali in grado di operare una trasformazione urbana

Il programma urbano è pensato in modo che la sequenza temporale non sia essenziale e ne prerogativa fondamentale per la riuscita o meno dello stesso. Quello che si vuole mettere in luce è la possibilità di immaginare una trasformazione progressiva di un tessuto informale tenendo presente le condizioni di partenza. Risulta perciò che l’accezione di informalità non è una questione a cui porre rimedio attraverso sole politiche di riconoscimento oppure attraverso macro interventi di carattere invasivo, ma piuttosto deve essere considerata in quanto luogo di valutazione e sperimentazione di un approccio entro cui assume un ruolo attivo. Sin dal principio sono state indagate le regole urbane e sociali sulle quali il quartiere si è costituito fin dai primi insediamenti. Queste regole affiancate da progetti di scala urbana permetteranno la trasformazione di Keneta.

 

 

 

 

Contrassegnato da tag ,

ANALISI FORMALE

TAV_09

L’obiettivo dell’analisi qui proposta è di conoscere le circostanze dello sviluppo del tessuto urbano nonché il rapporto tra lo spazio pubblico e quello privato. Inoltre possiamo notare come le dotazioni pubbliche sono scarse e concentrate nell’area delle due scuole.

STATO DI FATTO

Quest’analisi è orientata a dimostrare lo stato di fatto d’area mettendo in risalto gli aspetti negativi e individuando le potenzialità da mettere in luce.
La prima osservazione riguarda l’edificato e la diversa densità che esso presenta. Infatti, si può notare come nelle immediate vicinanze della città abbiamo una densità medio alta con poche possibilità di intervento sul tessuto stesso. Nel momento in cui ci si allontana dalla città si verifica una diminuzione della densità e buone opportunità di inserimento di spazi pubblici. A questa analisi è affiancata anche la ricerca di strutture incomplete e fondazioni (categorie pensate per essere completate e trasformate) oltre ad un attenta osservazione dell’uso dello spazio privato. Infatti, si nota una parcellizzazione del tessuto che coincide con i confini delle proprietà. Questa constatazione obbliga a ragionare solo su piccoli interventi di carattere interstiziale nei suoli ancora da occupare.

CRESCITA URBANA periodo 2006-2012

Nel 2006, lo stato albanese ha istituto un organismo parallelo alla struttura amministrativa, ALUIZNI, con il compito di dare avvio e portare a compimento il processo di legalizzazione delle aree informali del paese. I risultati di questa iniziativa hanno portato al censimento delle proprietà immobili nella zona di Keneta con conseguente redazione della prima mappa del costruito del quartiere. Questo processo aveva anche il compito di porre dei limiti all’iniziativa privata nell’attività edilizia ma come possiamo notare negli anni seguenti il processo non è stato eliminato. Infatti risulta che tra il 2006-2012 ci sia stato un incremento dell’attività edilizia pari al 17,7%. Questo dato è una conseguenza della comparazione tra la cartografia del 2006 e quella del 2012 e non siamo in grado di definire quali strutture risultino abusive e quali invece siano state autorizzate.

Contrassegnato da tag , , ,